La Wedding IPA - La birra degli Sposi

Wedding IPA, cento di queste birre!

Gli instancabili birrai di Personal Brewery non riposano mai e anche in questa soleggiata domenica ci siamo dati appuntamento di buon ora in laboratorio per creare una birra molto importante per il  matrimonio di due grandi amici: la Wedding IPA!

A differenza della scena raffigurata nel dipinto di Bruegel “Il banchetto nuziale” del 1568 dove viene servito del Lambic, noi abbiamo optato per brassare una più facile American Ipa che con le sue note fruttate e una spiccata freschezza, siamo certi verrà apprezzata da tutti gli invitati ma soprattutto dagli sposi.

il-banchetto-nuziale-bruegel-il-vecchio

La ricetta prende spunto da diverse Ipa che abbiamo prodotto negli anni con caratteristiche ben diverse tra loro, ma accomunate dalla ricerca dell’equilibrio sempre difficile da ottenere in birre che fanno della generosa luppolatura la loro caratteristica peculiare. In particolare per questa cotta ci siamo concentrati sulla beverinità e sulla freschezza aromatica del luppolo più che sulla corposità e sul  livello di amaro.

Per raggiungere il nostro obbiettivo abbiamo utilizzato solo malto base Pale senza l’aggiunta di nessun malto speciale o cereale non maltato, così come dei luppoli americani ambivalenti per ottenere note piacevolmente agrumate e fruttate.

Discorso a parte va fatto per l’importantissima fase del dry hopping che in una birra come questa è fondamentale per renderla ancor più invitante. Al posto della tradizionale aggiunta di luppolo al termine della prima fase di fermentazione, abbiamo deciso di sperimentare un nuovo prodotto appena arrivato sul mercato italiano che non poteva mancare nel laboratorio Personal Brewery.

Oli essenziali Lieviti Birre

Nessun segreto, si tratta di olio essenziale, è ottenuto dalla separazione delle componenti aromatiche del luppolo che con la sua purezza ci consente di poterlo dosare in modo molto preciso e di minimizzare la possibilità di infezioni in questa fase.

A nostro parere può rivelarsi un’importante alternativa al dry hopping tradizionale sia per la qualità e intensità olfattiva sia per la  la stabilità nel tempo, poi non siamo qui per sperimentare cose nuove?!

Come sempre la macinatura è affidata al  mulino che per l’occasione abbiamo regolato con distanza leggermente maggiore dei rulli per sfarinare di meno pur mantenendo la stessa efficacia nell’aprire i chicchi di malto. Nel frattempo abbiamo  preparato l’acqua utilizzando due terzi di quella di rete e un terzo osmotizzata in moda da ottenere una buona durezza che enfatizza l’amaro del luppolo senza arrivare a una  vera e propria Burtonizzazione con il  rischio di una  eccessiva astringenza.

Ammostamento IPA

Abbiamo iniziato l’ammostamento tenendo ben presente l’utilizzo del solo malto base pale per cui siamo partiti con l’inserimento dei grani nell’acqua a 65  gradi con un PH di 5.4  saltando la fase di sosta proteica e privilegiando la fase di Beta amilasi che grazie alla produzione di maltosio e il lavoro del lievito ci restituirà un profilo secco.

Misuratore PH mosto per Birre

Abbiamo previsto anche una sosta di pochi minuti a 72 gradi per consentire agli enzimi della Alfa milasi di trasformare l’amido residuo in destrine non  fermentabili dal lievito che ci aiuteranno a dare corpo alla nostra Wedding IPA.

Mash in Wedding IPA

Dopo aver portato la miscela di grani e acqua a 78 gradi per il mash out ci siamo concentrati sulla chiarificazione del mosto appena filtrato. Come ci hanno insegnato birrai esperti non bisogna avere fretta, questa fase è fondamentale per l’aspetto della birra, per la sua conservazione e stabilità nel tempo, oltretutto la scelta di usare solo malto base è stata fatta anche per ottenere un prodotto limpido e senza velature.

Ci siamo, il laboratorio è invaso da profumi intensi, le gettate non si contano  e come  in ogni American Ipa che si rispetti sono belle cariche. Abbiamo utilizzato luppolo in pellet , molto solubile, che ci consente di gettare senza l’uso di hop bag per la massima resa aromatica. Le varietà che abbiamo usato sono: Amarillo, Citra, Cascade.

Siamo arrivati alla fine, durante la bollitura ci siamo assicurati di reidratare correttamente il lievito secco US 05, il mosto è passato nello scambiatore per essere raffreddato a 20 gradi e con l’aiuto della  candela porosa integrata  è stato anche ossigenato adeguatamente per creare il miglior ambiente possibile alla propagazione del vero protagonista di tutta questa avventura, il lievito, chiamato amichevolmente Chico .

Il giorno del matrimonio si avvicina e non possiamo svelarvi il vero nome della nostra Wedding IPA per non rovinare la sorpresa, ma se ci leggerete ancora potrete scoprilo.

La Ricetta della Wedding IPA

METODO: All GrainLITRI FINALI: 50OG: 1.054IBU: 60EBC: 9

Fermentabili:

  • 10,5Kg Pale 2row (100%)

Luppoli:

  • 65g Amarillo (AA 8,3%)            60 min.
  • 25g Citra (AA 13,5%)               40 min.
  • 50g Citra (AA 13,5%)               20 min.
  • 40g Amarillo (AA 8,3%)             5 min.
  • 60g Cascade (AA 5,5%)             5 min.
  • 50g Amarillo (AA 8,3%)             0 min.
  • 50g Cascade (AA 5,5%)             0 min.
  • 100g Amarillo (AA 8,3%)          Dry hop
  • 100g Cascade (AA 5,5%)           Dry hop

Lievito: Safeale American Ale US-05

Mash:

  • 65° 45 min
  • 72° 10 min
  • 78° mashout & sparge

Personal Brewery al lavoro sulla Wedding IPA